INFORMAZIONI MAGAZINE

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA
NEWSLETTER

E ricevi in omaggio il nostro magazine sfogliabile

[sibwp_form id=2]

 

Christo Vladimirov Javacheff: distinguersi nell’arte

Christo Vladimirov Javacheff: l’artista che usava il paesaggio come una tela

Christo Vladimirov Javacheff: distinguersi nell’arte

Icona moderna della Land Art

Christo Vladimirov Javacheff muore lo scorso giugno all’età di 84 anni. Un artista unico nel suo genere che sarà ricordato per le sue installazioni che hanno “impacchettato” i monumenti più famosi del mondo.

Christo Vladimirov Javacheff: distinguersi nell'arte

Tra le prime opere “Running Fence”, una parete lunga quasi 40 km realizzata con teloni di nylon sostenuti da 2050 pali d’acciaio alti 6,4 m e 145 km di cavi, 4 anni sono stati impiegati solo per la sua preparazione. Un’installazione che ebbe vita per soli 14 giorni e fu poi rimossa senza lasciare alcuna traccia.  

L’arte di Christo si autofinanziava grazie alla vendita di disegni, collage e modellini preparatori, mai uno sponsor. La sua vita artistica è stata una continua sfida alla burocrazia statale, che nel 1995 portò addirittura alla votazione del parlamento tedesco per imballare il Reichstag.

Christo Vladimirov Javacheff: distinguersi nell'arte

In Italia sono stati diversi i suoi interventi tra i quali spiccano, nel 1974, l’avvolgimento con plastica e corda delle mura Aureliane a Roma, e nel 2016 la passeggiata galleggiante sul lago di Iseo “Floating Piers” lungo una passerella di 3,5 km.

Christo Vladimirov Javacheff immaginando l’impossibile lo ha reso possibile, ha saputo riunire le persone con la sua arte donando loro esperienze uniche il cui eco vivrà nel tempo. Superando i limiti tradizionali della scultura, della pittura e dell’architettura ha dato il via ad una “rivoluzione” del paesaggio.

Christo Vladimirov Javacheff distinguersi nell'arte

Ogni sua opera è stata condivisa nella realizzazione dalla propria consorte Jeanne-Claude venuta a mancare nel novembre 2009. L’opera postuma sarebbe dovuta essere realizzata a Parigi quest’anno “L’Arc de Triomphe, Wrapped”, ma causa Covid è stata spostata nel 2021. Speriamo di vederne la luce a sugellare la brillante mente di questo artista.